forse

martedì 17 luglio 2018

Complici

La Corte di Cassazione ha emesso una sentenza che non mi limito a commentare, ma voglio proprio contestarla perché si tratta di una porcata.
Secondo questi giudici se una donna si ubriaca volontariamente o assume droghe o entrambe le cose sarebbe una condotta che deporrebbe a favore di eventuali stupratori, ai quali non ritengono si possa addebitare l'aggravante di aver commesso l'odioso crimine contro una persona temporaneamente incapace!
Considerato che statisticamente i vermi che commettono stupro tendono a rivolgere le odiose attenzioni contro donne più fragili della media, questa schifosa pacca sulla spalla da parte della Cassazione fa vomitare!
Da tempo leggo di accuse e lamentele verso politici che non hanno mai lavorato e via cantando, credo sia ora di accendere qualche riflettore su persone che giudicano e dispongono delle vite altrui vivendo nel paese dei campanelli appesi a un aquilone.
Anche la complicità è un reato, comunque essa si manifesti.