forse

giovedì 19 ottobre 2017

La coda del Diavolo

Ieri si è rotta la busta-ricarica del sapone liquido dentro la borsa della spesa, non riuscivo nemmeno ad imprecare: continuo a chiedermi com'è possibile?
Non è stato un gran rientro a casa, invece di pranzare ho sciacquato il salvabile, ma la verdura non mi è parso il caso di mangiarla dopo un lavaggio con il sapone lavamani.
Avrei scritto un paio di righe di solidarietà per Asia Argento: molestie e violenze sessuali sono come il cancro, anche se la vittima è antipatica meglio tacere piuttosto di spruzzarle addosso anche veleno... non possiamo ambire alla pace nel mondo se la vera utopia rimane la solidarietà femminile.
Dopo il mio trauma al sapone ho pensato di darmi una restaurata ed uscire. 
Mentre mi dedicavo al brushing hair ho sentito uno strano sfrigolio e non erano i miei capelli a fare le scintille, ma il cavo del phon...  poi si è spento tutto.
L'elettricista che vive in me ha riempito il secondo sacchetto di rifiuti con il phon e tutti i suoi dannati accessori.
Nessun essere vivente riesce ad essere dispettoso quanto gli oggetti inanimati.
Alla tv il prete rapito in Nigeria dice di aver sentito l'assistenza dei santi, quindi io so dove il Diavolo parcheggia la sua coda.