forse

domenica 14 febbraio 2016

Gradazioni d'amore

Aggiungi didascalia
Non sono accontentabile.
Elucubrando sul tema San Valentino mi sono tornati in mente i due opposti: quello che prenotava al ristorante chic, mi ricopriva di rose e mi consegnava l'astuccio col gioiello assieme al dessert e quello che faceva l'anticonformista perché aveva il braccino corto.
...ah, gli uomini...
Mi sembra che questo tipo di ricorrenza sia un modo per procurarsi la spintarella per il vaffa@ che sognavi da un po'.
Proporrei di cambiare il senso della pagliacciata e buttarla sul sesso e varie sfumature, che male ci sarebbe a giocare all'acchiappo di San Valentino?
Come si fa a rimanere innamorate di un tale che ti si presenta con mutande ridicole? Di uno che ti fa un lungo discorso per spiegarti che non ti ha regalato un bel niente, o uno che ti regala un gioiello, ma ha bisogno di farsi guardare da tutto il ristorante?
Mio padre mi ha sempre fatto un regalo per San Valentino, eccetto quando ero ufficialmente sposata con qualcuno per non mancare di rispetto al genero.
Chissà se immaginava quanto fosse importante quel pensiero: un grand'uomo fa sembrare più piccoli tutti gli altri.
Anch'io lo dico sempre a mia figlia: se non ti ama almeno quanto me non vale niente.