forse

sabato 13 dicembre 2014

Non si sa mai

immagine da www.sora24.it
La caccia alle streghe non finisce proprio mai, il peggiore degli uomini viene definito "figlio di p@@" come a smorzarne le colpe e riferirle a questa madre sconosciuta e oscena.
Propongo di aggiornare questo modo offensivo ed eccessivamente generico di indicare un pessimo soggetto con "figlio di un parlamentare", altrettanto ottuso e generico.
La mamma-assassina l'hanno già messa in croce, ancora non è stata processata, si dichiara innocente, ma nessuno ci bada.  
Mentre il muratore assassino e stupratore ha diritto a una perizia psichiatrica e tanto complice silenzio stampa... anche se ha confessato... pure il dettaglio raccapricciante di aver abusato sessualmente del cadavere!
Il volto del mostro viene mostrato raramente, mentre quello delle vittime viene costantemente sbattuto in prima pagina con qualcosa di sinistro in quelle belle foto di donne sorridenti e felici con la vita stroncata da un vigliacco.
Se qualcuno mi uccidesse a colpi di mannaia per poi gettare le mie parti nei cassonetti della città, in prima pagine non trovereste la sua foto, ma la mia, una di quelle belle, una di quelle che "giustificano" il mostro... perché il bollino "sexy" per una donna è una colpa e non un complimento.
Nella canzone "Space oddity" di David Bowie, la torre di controllo dice al povero maggiore Tom che i giornalisti vogliono sapere anche che tipo di camicia porta...
ok signor muratore-assassino-stupratore ci dica per quale squadra tifa e che tipo di birra preferisce... non conta niente, ma chi può dire se Lombroso si sbagliava per davvero?