forse

sabato 27 settembre 2014

Scriversi addosso

da: "non salvate le apparenze" ritagli
Vedere Renzi che flirta con Marchionne deve aver fatto una cattiva impressione a parecchie persone. I figli dei divorziati conoscono questo genere di brivido: è come quando trovi la fidanzata di papà al ristorante con un altro.

Io avrei un carattere dolcissimo, purtroppo il mondo delle cose inanimate mi perseguita.
Mi sono preparata la mia colazione preferita: caffè nero, tiepido e pane tostato con la marmellata di arance (quella con i pezzettini di buccia dentro)... è caduta silenziosamente sul pavimento, la marmellata non fa rumore e ci ho camminato sopra.
Quale persona rimarrebbe di buon umore senza una droga?

Ho una lista della spesa lunga un post it intero e mi sento in un loop malato di cose necessarie e mai indispensabili, di frivolo che non diverte quanto sminuisce e posso avere nostalgia di quei giorni non vissuti circondata da un silenzio denso quando il tempo trascorreva senza una misura.
Il mondo è malato, eppure le medicine per conviverci devo prenderle io.

Parliamo di erotismo?
La faccenda di essere spalmata di qualcosa (panna, nutella o che ne so) non mi ha mai attizzata, quanto leggermente inquietata.
Una pratica da veri buongustai è scriversi, scriversi addosso l'un l'altra con la penna biro, accarezzarsi la pelle con l'inchiostro e formare parole magiche come ricami... e poi vediamo se è vero che sono tutti eccezionali... a parole.

I ritagli dell'immagine sono tratti da "non salvate le apparenze" che si trova QUI ... se ancora non l'avete letto.