forse

venerdì 29 agosto 2014

Dal cielo

Dico spesso che qualcuno ha fatto tutto da solo e mento.
Sono io che mi dispongo come un parco dei divertimenti che non chiude mai, cioccolato che non ingrassa o la fatina buona di Pinocchio: io illudo.
Tutti pazzi per sognare, credere che quello che non viene espressamente proibito sia possibile o peggio: fare un mucchio di cretinate purché qualcuno le abbia mai vietate, fosse anche soltanto la santa madre chiesa, per poi potersi definire "trasgressivi".
Come quelli che si dicono "sportivi" perché guardano lo sport alla tv.
... un mondo di trasgressori immaginari, che tristezza.
Mento e illudo senza nessuno sforzo, devo solo tacere e ho adottato il silenzio dopo aver parlato tantissimo per nulla: parli o taci è lo stesso, allora io sto zitta, risparmio l'energia.
Sto da sola in silenzio in un posto tranquillo dove non è vietato proprio nulla... e sarà per questo motivo che nessuno viene mai a sedersi sulla panchina.
Non c'è proprio nulla di trasgressivo a starsene sereni a sentire l'odore del vento o il rumore del mio cuore che batte, ma è una delle cose più difficili che conosco.
Su quella giostra lì non ci si può salire, ci si deve cadere dal cielo.