forse

domenica 30 marzo 2014

Strada

Dovrei davvero stare qui a fingere di nulla, fare come se mai nulla fosse accaduto e invece aspettare che accada ancora e poi ancora... perché il nulla non la smette mai di succedere.
Per la strada, quella che nemmeno sono certa sia la mia, cammino con l'idea di potermi fermare, arrivare da qualche parte "chi-lo-sa", fermarmi e riposare, forse è la strada che mi scorre attorno mentre io rimango immobile, stanca di nulla, sfinita da un paesaggio che sa di muffa e profumi da poco.
I dolori si svegliano fuori dagli orologi, mi piace pensare che dormono anche loro, qualche volta, avranno un sindacato e diritti sacrosanti di dormire e farsi delle ferie via da me.
Saprò produrre cose su cui si può contare, certezze grandi come montagne e altrettanto immobili, montagne che non vanno da Maometto.
Voglio essere imbarazzante, un ubriaco non può fingersi sobrio, il contrario è possibile... se solo avesse senso.
La vera stupidità non ha bisogno di nulla.