forse

sabato 14 dicembre 2013

La mia bambina

Yahoo non funziona da più di dodici ore: mi sarebbe bastato molto meno per decidere di non fidarmi mai più.
L'angoscia esistenziale del giorno è il terrore di diventare una persona che non mi piace, anche se - lo confesso, a volte ho desiderato di lasciarmi andare a un molle fancazzismo fatto di torte dentro al forno e tende ricamate alle finestre con la mente mai vuota, ma piena di noiose frustrazioni.
La frase: "io non ho di questi problemi perché non mi occupo di certe cose" le prime volte mi faceva sentire inadeguata, poi ho capito che è un modo di esser sola: io, con le certe cose e mai certa di niente.
Quando l'antidolorifico avrà fatto il suo lavoro, troverò qualcuno che mi toglierà i nodi dai capelli, un supermercato pieno di cibo e del caffè decente.
Conosco due tipi di abbracci: quello in cui mi abbandono per sentirmi al sicuro e quello in cui stringo la mia bimba contro tutto. Per quanto bello ed accogliente possa essere il primo, preferisco il secondo perché mi fa essere grande.
Non voglio smettere mai di abbracciare la mia bimba, essere è molto meglio di sentirsi.