forse

martedì 23 maggio 2017

Discorsi sulla cacca

Negli ultimi anni ho assistito ad angoscianti battaglie perché qui le persone intendono portarsi il loro amato quadrupede proprio ovunque: supermercato, autobus e anche al mare e vi starete domandando la ragione dell'angoscia?
Il problema è che i detentori di cani li lasciano insudiciare ovunque senza pulire.
A Trieste il rapporto abitanti-cani è 10-1 superando nella classifica anche Torino che vantava un 13-1.
Solo che Torino è pulitissima mentre Trieste con i suoi tramonti mozzafiato potrebbe conquistarsi il triste titolo di "città della merda di cane"... non ho visto nulla del genere in nessun altro centro abitato.
La stampa locale se ne occupa ciclicamente pubblicando rapporti sulle più assurde quanto inutili iniziative: analisi del dna sulla cacca, cartellini e via dicendo, ma nessuna amministrazione comunale ha mai adottato seri provvedimenti: eppure appioppando una multa di soli 100 € a cacca farebbero i milioni.
Non ho dubbi che anche altrove ci si possa imbattere - di tanto in tanto, nello stesso problema, ma qui è difficile trovare 5 mq di suolo pubblico privo di deiezioni canine.
Se brontolo pare che non sopporto i cani e invece sono i loro proprietari che detesto, gente che spesso ha la faccia tosta di dire che i rifugiati sporcano, ma è una questione di numeri che raramente mentono: i cani censiti sono 20000 i rifugiati circa 700 e non fanno la cacca per la strada.