forse

giovedì 13 aprile 2017

Gente normale

Non appartengo a nessun comitato di quelli che ti riempiono di fotografie con fiori o tramonti e nemmeno sembro adatta per sfegatate battaglie animaliste.
Se non mangio l'agnello è perché non mi piace, ma penso che Berlusconi si sarebbe potuto permettere di adottare dei pastori, di quelli che dopo il terremoto speravano di lavorare un po' per Pasqua.
La mia esistenza-social è abbastanza fortunata perché le diete ed i finanziamenti li propongono in privato e solo qualche volta mi danno della "buonista" o della "comunista" in forma anonima e sgrammaticata.
Oggi ho un consiglio non richiesto per tutti quelli che fanno scelte di vita particolari con la pretesa di imporle a noi cittadini figli del progresso, noi che immaginiamo un futuro privo di automobili perché useremo le astronavi.
Come i nomadi che vivono accampati con le roulotte e tutto il resto, maniaci del pedale e fanatici dell'alimentazione etica potrebbero trovare soluzioni abitative alternative per non contaminarsi in mezzo a noi cannibali assassini di insalate che osiamo innamorarci di altri esseri umani ai quali potremmo rinfacciare di aver scordato il nostro compleanno, ma mai di non saper amare come un cane.
Una bella riserva dove potranno non vaccinarsi, non mangiare cose che soffrono ed estinguersi in santa pace.
OK, ci scherzo su, ma non capisco perché non sono mai gli onnivori quelli che tentano di far cambiare idea agli altri, i fumatori non tormentano i non fumatori.... e le donne morbide sorridono più spesso delle anoressiche.