forse

venerdì 3 marzo 2017

Il Kharma dei bugiardi

Non si fa caso a come ci entrano nella vita le persone, io all'inizio non immagino mai che vi rimangano perché non soffro di colpi di fulmine o attrazioni più o meno fatali. 
Le persone che mi piacciono un mondo le ho già tutte, non escludo di poter aver nuove amicizie o nuovi amori in qualunque momento, ma visto che non mi faccio di funghi allucinogeni tendo ad annoiarmi per la maggior parte del tempo.
Nessuno ti sorprende gratis, se qualcuno comincia a saltellarmi attorno divento sospettosa e non mi chiedo cosa ci trova in me, ma cosa vuole perché tengo fede ai miei pochi principi di cui parlai qui.
Altro che scivolare sulle K, chi ti invade usando Whatsapp dopo le 21 senza preoccuparsi se stavi leggendo, guardando un film, facendo sesso o stavi con amici può essere solo qualcuno che non legge, non guarda film, non fa sesso e non ha amici.
Le domande K non sono roba da chat, certe persone si credono astute usando Google e il correttore automatico di Word. 
La verità si guarda faccia a faccia, non perché si possa leggere qualcosa dentro gli occhi, quanto perché non può consultare lo smartphone e fare finta di sapere... e poi chissà perché?
Eppure gli impostori smascherati invece di scusarsi si allontanano offesi, umiliati dalle loro stesse menzogne.
Questa breve storia ha una quarta K: parlava continuamente di Kharma per darsi un tono vagamente spirituale, peccato si tratti  della legge di azione e conseguenza.