forse

giovedì 6 ottobre 2016

Non proprio tutti

Stamattina ho avuto modo di stare a sentire (perché la conversazione è tutta un'altra cosa) un tale con le idee confuse.
Era molto preoccupato per la sua bambina con internet, terrorizzato dal mondo orribile che ci circonda, le porcherie che mangiamo e balle varie. 
Aveva una custodia isolante per lo smtp e un coso al collo contro le onde elettromagnetiche, avevo voglia di presentargli il mio amico immaginario che rideva come un matto, invece sono rimasta pazientemente in ascolto.
Molte persone sembrano interpretare il mio silenzio come condiscendenza e credono di rendere convincente una ca@ta affermando di averla pagata molto denaro... rimpiango spesso una luminosa carriera da cartomante o venditrice di illusioni, ma preferisco usare la mia faccia tosta per altre finalità.
... poi non so come è saltato fuori il discorso che abbiamo un analfabeta leghista in giunta comunale, allora il tizio mi è parso adeguatamente preoccupato e una signora anziana s'è alzata dicendo: "quel mona ga becà trope lignade in testa!"
Mi sono sentita di far parte di una bella umanità piena di problemi e imperfezioni, ma gli stronzi non li sopporta nessuno.