forse

sabato 13 febbraio 2016

#DannateDonne 3

Oggi parlerò di un tipo di #DannataDonna piuttosto comune, ma non per questo meno insopportabile. 
La finta santa, colei che giunge vergine al matrimonio utilizzando "a piene mani" (e non solo) pratiche alternative.
Si atteggia a ingenua sprovveduta, eppure quando parla narra di malizia, malvagità e doppi sensi che comprende solamente ella, arrivando a decodificare segnali erotici in sguardi e cose più astratte di una religione.
Mentre noi sfigate collezioniamo ex in modo ufficiale, archiviandoli pure con l'etichetta giusta (fidanzati, mariti, amanti e giù di lì), la finta santa conserva a vita lo stesso consorte (un idiota con la testa da alce) e vive dozzine di storie parallele, ha un alibi per ogni istante dell'esistenza.
A mio parere la monogamia è contro natura. 
La finta santa non fa niente di strano o di male, eccetto questo vezzo di dipingersi piena di virtù spalando fango su chi preferisce la qualità alla quantità.
...chi è senza peccato scagli la prima password.