forse

martedì 17 novembre 2015

Complessi

Mi piace cucinare, anzi, proprio mi diverte, nella mia vita non vissuta avrei aperto un ristorante a Innsbruck, uno di quei ristoranti dove entrava solo chi mi era simpatico.
Probabilmente il ristorante mi sarebbe venuto a noia anche prima di un marito qualunque e adesso potrei dispensare consigli sugli errori da non commettere quando apri un ristorante.
Invece posso elargire qualche buon consiglio su cosa evitare nei matrimoni, se proprio non si riesce ad evitare di sposarsi.
Tutti possiamo sentirci un po' insicuri, non è una cosa negativa, ma state bene alla larga dagli uomini complessati.
Il complesso è una patologia che l'individuo sviluppa su qualcosa che spesso soltanto egli percepisce come un difetto grave... 
Ho avuto un fidanzato che quando aveva gli attacchi isterici perché mi rifiutavo di sposarlo si metteva a piagnucolare: "è perché io non ho gli occhi azzurri!" mi prendeva da ridere! Non ho infierito spiegandogli che aveva le gambe troppo corte, una brutta scoliosi ed i capelli grassi e soprattutto non avrei mai fatto caso ai suoi difetti fisici se non avesse detto una cretinata del genere.
Non lo sposai semplicemente perché non mi andava.
Con il trascorrere degli anni, i complessati sviluppano degli assurdi meccanismi di autodifesa: vedono nelle altre persone i loro difetti in modo da utilizzare spesso un patetico "anche tu", lo dicono in automatico... e sono acidi, quanto lontani dalla realtà.
Se proprio volete sposarvi prendetene due o tre e lasciate credere a ciascuno di essere il preferito: diventano dei tesori e avrete un complesso vero.