forse

giovedì 21 maggio 2015

Pulizie

immagine dal web
Mi sono stancata di farmi il sangue cattivo per il mal governo e le bislacche riforme, sono nauseata dalle cretinate a reti unificate: non riesco a distinguere tra un telegiornale e una televendita, preferivo lo chef Tony: il problema non è il coltello, ma chi lo utilizza e come.
Voglio essere ottimista, in fin dei conti ci siamo sbarazzati di Mussolini, di Berlusconi e senza dubbio ci leveremo di torno anche questo qua.
Ai poveretti che ci credono passerà, in fondo anche i vegani si arrendono davanti al tiramisù.
L'ho già detto che sta facendo come quelle sette americane dove il primo passo è di isolare le persone?
Questo spiega l'attacco ai sindacati e le associazioni di categoria.
La fase numero due consiste nel curare qualcosa che viene provocato apposta, tipo darti un'aspirina dopo averti fatto bere vino scadente, quello che fa venire il mal di testa.
(Assunzione dei precari perché costretto da una sentenza della Corte Europea fingendo di averla pensata lui).
In Italia la fase numero tre è impossibile, gli italiani non sono tipi da setta perché si cresce a pane e cultura e la setta per attecchire ha bisogno dell'ignoranza... sarà per questo che tenta di farci fuori la scuola?
Comunque non la conosco la fase tre, non ho letto "Come fondare una setta e guadagnarci".
Tutto può succedere, potrebbero girare le scatole alla signora Agnese... chissà.
Insomma è come quando inviti gli amici con bambini: ti fanno un casino in casa, ma tanto se ne vanno e una botta ai pavimenti l'avremmo data ugualmente.