forse

mercoledì 28 gennaio 2015

Belli e buoni

Alexis Tsipras
Ho sentito dire che sabato avremo il nuovo presidente della Repubblica,  ma non facciamoci illusioni, qui la parola "nuovo" sta ad indicare che avrà un nome diverso e qualche primavera meno del precedente: fine delle novità.
La musica non cambierà e allora si guarda alla Grecia che sta peggio di noi, ma ha un governo nuovo, nuovo davvero, da loro hanno votato.
... e pure "bbono"... una mia amica dice che i belli sono anche buoni perché non sono mai stati invidiosi di nessuno e condivido questa sua teoria.
Mi astengo con cura da ogni altro genere di confronto tra il nostro paese e la cugina Grecia ed auguro a loro tutto il bene possibile.
Vorrei augurarlo anche a noi, ma sarebbe come sperare di vincere alla lotteria senza aver acquistato nemmeno un biglietto.
Non è togliendoci i diritti che crederemo a babbo Natale, quello che ti avvelena e poi ti vende l'antidoto è soltanto un perfido imbroglione.