forse

martedì 8 aprile 2014

Cecchino in fiore

Fiori sul balcone, loro sbocciano ed io sento meno freddo in attesa dell'oleandro rosso e il piccolo arredo estivo da paesaggio fiabesco.
Voglio cenare tra i fiori sul balcone, con le candele accese. Una cena romantica tra il silenzio e la musica o una tazza di tè nei bicchierini che mi ha portato dall'India, fumando sigarette inutili e sapere le cose che troveremo oltre qualche orizzonte.
Magari mi ci vive pure un gelsomino, nell'angolo al riparo dalla Bora...
All'osteria di sotto una donna ha perso il controllo, non so se ne abbia mai avuto: strilla contro qualcuno che solamente a lei deve sembrare un uomo.
Si gridano l'un l'altra un disinteresse espresso con parole volgari, gridando in un crescendo di ingiurie.
I fiori sul balcone sono sordi, rimangono imperterriti con le corolle spalancate, io chiudo la finestra.
Certe volte sul balcone, tra i fiori, ci vorrei tenere un bravo cecchino.
La gente inutile dovrebbe tacere.