forse

sabato 30 novembre 2013

Federico Perna

Questo Papa comincia a piacermi, non sono cattolica, ma apprezzo quando le cose e le persone sono proprio come dovrebbero. 
Come se la signora Cancellieri facesse il ministro della giustizia anche con chi non fa Ligresti di cognome.
Ieri si è saputo che il signor Federico Perna, 34 anni, è morto in carcere, lo scorso 8 novembre. Pare che questo giovane non fosse esattamente anoressico, lui vomitava sangue già da un po' e da vivere non gli restava tanto, in attesa di trapianto di fegato a soli 34 anni.
Dal momento che questo signor Perna non mangiava bambini vivi, cosa ci facesse in carcere uno conciato in quel modo è un mistero... 
ah, dimenticavo! Si dice - non lo sapremo mai davvero - che sia stata applicata sul Perna la stessa terapia di Stefano Cucchi, pare che lo pestavano, ma lui non potrà più dirlo.
Credevo che la tortura fosse illegale nel nostro paese, invece, morto Federico, adesso comincia la tortura psicologica dei suoi cari: un infinito scaricabarile di responsabilità e umilianti descrizioni del defunto, proprio come se volessero convincerci che - in fondo - sia stato meglio così.
A me queste cose mi fan girar le scatole per davvero.