forse

martedì 26 novembre 2013

Diversamente inutili

Ho guardato su You Tube il video di Anna Marchesini da Fazio, ci sono rimasta male per come una dannata malattia l'abbia colpita e incantata da come lei se ne faccia un baffo.
La maggior parte dei credi religiosi ritiene che in qualche modo ce le meritiamo. i più imbecilli arrivano a sostenere che ce le procuriamo apposta per scopi e ragioni anche più idioti e qualcuno, un po' più sbrigativo gli invalidi e i malati li toglieva di mezzo punto e basta.
La malattia degli altri mette profondamente a disagio gli sciocchi.
Volere a tutti i costi un corpo bello, sano, palestrato e magari abbronzato, dimostrare trent'anni in eterno sono i sintomi della più diffusa e grave malattia invalidante della nostra società. 
Eserciti di dementi dal corpo sano e il cervello bacato sono prodighi di consigli inutili e non richiesti del tipo: "dovresti provare con...", propongono sciroppi, diete, pomate, stili di vita e cavolate di ogni genere a fronte di gravi malattie del corpo di cui tu soffri dignitosamente: non danno pace perché non ce l'hanno.
Però non ho mai sentito un dialogo al contrario tipo: "Devo perdere cinque chili e non ci riesco in nessun modo" (tono afflitto). Risposta: "prova con un  ciclo di chemioterapia, vai giù che è un piacere!" (tono entusiasta).
Le persone non sono il loro corpo, non mi sembra tanto orribile non riuscire a muovere un oggetto pesante e non essere candidabile per qualche concorso di bellezza, sempre meglio che infilare l'autostima nel giro vita.