forse

domenica 13 gennaio 2013

Fatelo

Per una persona che soffre di vuoti di memoria, smarrire uno spillone lungo 22 cm è leggermente inquietante, anche perché uno dei miei passatempi preferiti è quello di inquinare scene del crimine perdendo capelli.
Non sono stata io.
Non sono gay, ma voglio conservare il diritto di diventarlo e, diventandolo, conservare dei diritti.
Giudicare le persone per quello che fanno o non fanno a letto è un percorso pericoloso, insomma, i preti han fatto voto di castità, povertà e un mucchio di cose che finiscono con la lettera a accentata: scelte: e chi gli dice niente?
Così consiglierei, anche a quelli più moderati che considerano l'omosessualità una psicopatologia, di andare a mettersi in analisi per primi perché, l'astinenza a me sembra parecchio più grave, seconda solo alla pedofilia di cui, pare, più d'uno di loro sa qualcosa.
Insomma i preti sono proprio come la mia vicina di casa, credono che la vicinanza fisica somigli alla convivenza ed hanno il deprecabile vizio di "sconfinare".
Parlate solo se interrogati e riflettere bene su quello che direte perché io non mancherò di usarlo contro di voi.
L'ho sempre detto che sono quelli che non fanno sesso che rompono le scatole agli altri.